Parco Lambro: con la bella stagione tornano i rave parties. Occorre indagare su eventuali complicità degli esercizi commerciali

Scritto da Gianluca Boari il 26 giugno 2016 – 18:23 -

Per la terza settimana di seguito i residenti dei quartieri Feltre e della zona di Cimiano hanno dovuto subire gli effetti dei rave party avvenuti all’interno del Parco Lambro. Oltre all’impossibilità di dormire a causa del rumore che si è protratto fino alle 4/5 di notte sono avvenuti anche degli episodi di vandalismo. La mattina di sabato 25 giugno sono state rinvenute diverse decine di auto danneggiate in prossimità della stazione MM Cimiano.

L’accesso al Parco Lambro non risulta difficle, anche in presenza di pesanti attrezzature, in quanto i pilomat installati pochi anni fa su richiesta del Consiglio di Zona 3 vengono abbassati qualora si dichiari di essere clienti del Peter Pan e di altri esercizi commerciali. Questo grazie ad una modifica dell’ordinanza sindacale 69726/2013 di chiusura al traffico veicolare emanata il 19 maggio 2015, che rende transitabile il parco dalle 20.00 alle ore 3.00.

Diversi cittadini affermano di aver chiamato le Forze dell’ordine che tuttavia non sarebbero intervenute.

HO PERTANTO INVIATO UN’INTERROGAZIONE PER SAPERE:

  • Se avviene un pattugliamento notturno delle Forze dell’Ordine all’interno del parco al fine di impedire tali eventi o almeno di limitarne la durata sino alle ore 24.00;
  • Se sia stata fatta o si intenda fare una verifica per capire se gli esercizi commerciali presenti all’interno forniscano qualsiasi tipo di supporto materiale o logistico agli organizzatori dei rave;
  • Se si ritiene di dover ritornare alla versione originaria della suddetta ordinanza.
Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | Nessun commento »

Viale Abruzzi: nuova segnaletica demenziale

Scritto da Gianluca Boari il 26 giugno 2016 – 12:47 -

2016.06.26 - segnaletica_impazzita_Viale_Abruzzi - Il GiornaleOggi su Il Giornale è stata pubblicata la foto gentilmente fornita da una residente che riprende l’assurda segnaletica orizzontale tracciata due giorni fa, in concomitanza coi lavori di allungamento della porzione di spartitraffico di viale Abruzzi all’altezza del Bar Basso. “Piazza Lode” al posto di una probabile “Piazzale Lodi”. Ma l’aspetto forse più grave sta nel senso razionale di questa tracciatura per quanto concerne “Viale Romagna”. Il Comune invece di rifare completamente l’incrocio demenziale e caratterizzato da continui incidenti preferisce suggerire agli automobilisti che per andare in Viale Romagna, che sarebbe a sinistra, è meglio andare a destra per poi più avanti tornare evidentemente a sinistra! Direi tutto demenziale.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | Nessun commento »

Tendopoli a due passi dal San Raffaele

Scritto da Gianluca Boari il 24 giugno 2016 – 23:05 -

tendopoli-via_bormioPresenterò lunedì un’interrogazione sull’ennesima situazione di degrado e mancanza di controllo che affligge la periferia di Milano, nello specifico del Municipio 3.

Un’area abbandonata situata lungo Via Bormio, non lontana da Via Palmanova, presenta un insediamento abusivo costituito da alcune tende localizzate nella parte bassa di un edificio incompiuto.

AL COMUNE CHIEDO:

1) di sapere se l’area appartiene ad ATM, al Comune di Milano o a privati;
2) se la Polizia Locale è a conoscenza della presenza di abusivi e della tendopoli e da quanto tempo esiste questa presenza;
3) se l’amministrazione comunale intenda ripristinare la legalità in quest’area;
4) se alla Proprietà dell’area sarà intimata la messa in sicurezza affinchè non si ripresentino nuove occupazioni

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | Nessun commento »

Aggiudicazione concessione bar Via Valvassori Peroni: Le prescrizioni del bando vengono rispettate?

Scritto da Gianluca Boari il 23 giugno 2016 – 16:48 -

Aperto con diversi mesi di ritardo rispetto la data di aggiudicazione del bando la situazione del bar della biblioteca rionale e del cam di Lambrate presenta aspetti poco chiari e forse non in linea con le prescrizioni del Comune. Ho ritenuto pertanto di presentare un’interrogazione al Sindaco e al Settore del Municipio 3 competente, che ha preparato il bando e ha il compito di vigilare che quanto indicato sia rispettato dal concessionario.

In esecuzione della delibera della Giunta Comunale n. 1402 del 30 luglio 2015 è stata indetta la gara ad evidenza pubblica per l’assegnazione in concessione d’uso degli spazi (bar) di Via Valvassori Peroni 56, approvata con determinazione dirigenziale n. 204 del 19 agosto 2015.

La presenza di spazi dedicati alla somministrazione dovrebbe “valorizzare sia la struttura comunale nel suo complesso e le attività che già si svolgono all’interno della stessa, sia contribuire a rendere più piacevole e fruibile da parte della cittadinanza la citata struttura comunale arricchendo l’offerta culturale e aggregativa già proposta”.

L’aggiudicatario, tra le altre cose, si è impegnato a realizzare da uno ad un massimo di otto eventi al mese fino ad un massimo di otto anche attraverso “associazioni collegate” (punto 2 del testo del bando).

Il concessionario deve svolgere le attività di somministrazione  “contemporaneamente agli orari di apertura della Biblioteca Comunale, dell’Auditorium e del Centro di Aggregazione Multifunzionale”. Il bando prevedeva inoltre l’esclusione di attività di ristorazione (punto 4 del testo del bando).

L’inizio dell’attività veniva previsto in non oltre 60 giorni dall’assegnazione degli spazi, pena una sanzione di 100 euro per ogni giorno di ritardo fino ad un massimo di 60 (punti 4 e 17 del testo del bando).

CONSIDERAZIONI

L’aggiudicazione del bando è avvenuta il 27 ottobre 2015. I lavori sono iniziati dopo febbraio 2016. L’apertura è avvenuta alcuni giorni prima dell’inaugurazione svoltasi il 11 giugno. L’intervento economico a carico del privato per l’adeguamento degli spazi e l’allestimento degli spazi, esclusi i costi di personale, sono presumibilmente eccessivi considerato il tipo di utenza e la concessione della durata di 6 anni più eventuali 3 di rinnovo.

SI CHIEDE

  • Per quali ragioni l’inizio dell’attività commerciale sia avvenuta dopo circa sei mesi dall’aggiudicazione degli spazi.
  • In che data sono stati consegnati gli spazi al concessionario.
  • Se siano state applicate le sanzioni previste dal bando per i ritardi nell’apertura del servizio di somministrazione di cibi e bevande.
  • Se il tempo intercorso tra la data della consegna degli spazi e l’inizio dell’attività di somministrazione sia maggiore di 60 giorni, portando conseguentemente alla decadenza della concessione.
  • Se il concessionario stia svolgendo l’attività di somministrazione contemporaneamente agli orari di apertura della biblioteca e del cam, in particolare se il bar rimanga effettivamente aperto il mercoledì mattina.
  • Se il bar possa svolgere l’attività oltre la mezzanotte, sia in presenza che in assenza di eventi.
  • Se sia stata allestita una cucina per effettuare prossimamente il servizio di ristorazione.
  • Se sia stata chiesta la rimozione dei distributori automatici di bevande calde dalla biblioteca al fine di incrementare il fatturato del bar.
  • Se l’aggiudicatario è un soggetto giuridico riconducibile ad un ex consigliere di zona del partito democratico.
Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in IN CONSIGLIO | Nessun commento »

Riqualificazione centro sportivo Crespi: occorre vederci chiaro

Scritto da Gianluca Boari il 15 giugno 2016 – 16:50 -

A luglio partiranno i lavori al centro sportivo Crespi che prevedono un investimento totale di 4,5 milioni di euro a carico di due associazioni sportive coperti da garanzia fideiussoria del Comune. Della cifra indicata il grosso, 3,5 milioni, vengono investiti da Zero Gravity per la realizzazione di un nuovo impianto polifunzionale. 1 milione di euro da parte dell’Amatori & Union Rugby per il rifacimento del campo esterno e per la realizzazione della relativa tribuna e degli spogliatoi. Si inizierà con le opere di bonifica dall’amianto.

Il Comune di Milano ha deciso negli anni scorsi di affidare ai privati la riqualificazione del centro sportivo invece che procedere in autonomia per non dover affrontare le ingenti spese necessarie. Successivamente, in apparente contraddizione, decide di fornire una garanzia fideiussoria a copertura del’investimento..
Per quanto concerne la delicata questione della bonifica dell’amianto a carico del Comune si apprende che l’aggiudicazione dei lavori è avvenuta tramite procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell’art. 122, comma 7 del D. lgs 163/2006. Data di aggiudicazione 24 marzo 2016, aggiudicatario AIRCOM srl di Aragona (Agrigento). Importo 489.772,86 euro grazie a ribasso del 29,465% rispetto 708.496,04 euro di importo a base di appalto. Nel dicembre 2015 il valore stimato degli interventi era invece di di 1.000.000 di euro iva esclusa. L’importo finale risulta essere inferiore di oltre il 50% rispetto alle stime iniziali. (Appalto n° 23/2016).

Pertanto ho inviato oggi al sindaco e alla Direzione Centrale Tecnica Settore Tecnico Cultura e beni comunali diversi un’interrogazione per sapere:

1) quale sia l’importo della garanzia fideiussoria a carico del Comune e quindi dei cittadini.

2) Quali sono le motivazioni che hanno portato ad elaborare una base di appalto inferiore rispetto alla cifra iniziale stimata di 1 milione di euro.

3) quali sono le motivazioni che abbiano portato il Comune a considerare congrua l’offerta per la bonifica dell’amianto presentata dalla società siciliana e quali siano le ragioni per le quali opere inizialmente stimate di circa 1 milione di euro siano stata appaltate per un importo inferiore di otre il 50% attraverso una procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando.

La riqualificazione del centro sportivo Crespi è certamente importante per il territorio del Municipio 3 ma occorre fare chiarezza.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , ,
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | Nessun commento »

Sala ha paura di incontrare i milanesi

Scritto da Gianluca Boari il 10 maggio 2016 – 15:17 -

2016.05.10 - Sala snobba i problemi di Lambrate - LiberoIl candidato sindaco del pd e compari Giuseppe Sala detto Beppe non ama i confronti e soprattutto le domande scomode. Per lui la periferia è un luogo in cui andare di nascosto facendosi proteggere dagli amichetti e senza confrontarsi coi cittadini. Oggi su Libero commento così la sua recente visita in Via Conte Rosso: “Beppe Sala ci ha abituato a sfuggire dalle situazioni imbarazzanti. Come non parla dei conti di EXPO, preferisce far finta di interessarsi delle periferie facendo riunioni clandestine in ambienti ovattati”

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in POLITICA MILANESE | Nessun commento »

Rubattino: il caso del profugo che minaccia i bambini

Scritto da Gianluca Boari il 10 aprile 2016 – 22:10 -

2016.04.10 - profugo terrorizza Rubattino - Il GiornalePanico giovedì pomeriggio in Piazza Vigili del Fuoco a causa di un profugo palestinese che minacciava di uccidere i bambini. Bloccato da un agente di Polizia fuori servizio è stato portato via da un’ambulanza. Accanto a questo episodio molto grave va segnalata ormai come una normalità il fatto che rumeni, anche con pesanti precedenti penali, siano liberi di dormire sotto la tengenziale. Liberi anche i finti profughi di Via Corelli di passare le loro giornate nella non lontana piazzetta dell’Ortica. Questa è la Milano di Pisapia e del Pd.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Città Studi: Il palazzo dell’archistar ora è abbandonato

Scritto da Gianluca Boari il 8 aprile 2016 – 22:12 -

2016.04.08 - ecomostro piazza carlo erba - La RepubblicaDovevano essere appartamenti di lusso ma ora il cantiere di Piazza carlo Erba fermo da sei mesi rischia di diventare un focolaio di problemi igienici e di sicurezza. Entrano persone a consumare droga e altri ci dormono. In aggiunta l’ampia area delimitata dal basso muro metallico diviene luogo ideale per diventare una discarica abusiva. In Consiglio di Zona 3 la sinistra si rifiuta di sottoscrivere il mio documento facendo prevalere interessi da campagna elettorale sulla sicurezza del quartiere.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Città Studi: il caso del palazzo abbandonato di Piazza Carlo Erba

Scritto da Gianluca Boari il 20 marzo 2016 – 14:48 -

2016.03.18 - palazzo occupato piazza carlo erba - Il Giorno
Il cantiere di un prestigioso complesso residenziale da mesi fermo è diventato discarica abusiva e punto di ritrovo per sbandati. Questa volta non siamo in periferia ma in piena Città Studi, a due passi dalla sede del Consiglio di Zona 3
Ho presntato in aula gioved’ scorso una mozione per chiedere la messa in sicurezza ma non è andata in discussione a causa dei consiglieri del pd e del resto della sinistra che si sono rifiutati di sottoscriverla.
Speriamo che il Comune non lasci passare mesi ed anni come al solito, come ad esempio quando un problema simile ci fu in Via Bistolfi, ma intervenga prontamnete.
Per essere più tranquillo ho attivato una petizione (presso il Bollicine Cafè di Via Pinturicchio 5)che consegnerò io stesso nella sede centrale del Comune.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in AMBIENTE, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Lambrate: ennesimo favore alle associazioni politicizzate

Scritto da Gianluca Boari il 12 marzo 2016 – 23:57 -

2016.03.12 - chiusura via conte rosso regalo ad associazioni di sinistra - Il GiornoIl Consiglio di Zona 3 coi soli voti della maggioranza di sinistra ha chiesto al Comune di chiudere al traffico veicolare tutti i sabati del mese un tratto di Via Conte Rosso. Guarda caso si tratta di quel punto dove il consorzio di associazioni di sinistra “Vivilambrate” organizza proprio il terzo sabato di ogni mese un mercatino “artigianale”. Tale mercatino, a differenza di quanto succede con le feste di via, viene sgravato (guarda caso) completamente del costo dell’occupazione suole.
Con la richiesta di chiusura della via la sinistra vuole collettivizzare il costo degli strordinari dei vigili, altrimenti a carico delle associazioni amiche.
Il mio intervento oggi su Il Giorno in un articolo di Marianna Vazzana

Elenco associazioni “Vivilambrate”:
Acli Lambrate, Algomas, Associazione Culturale Carmilla, Cag LambraTeam, ColorEsperanza, ComitatoxMilanoZ3, Laboratorio di Democrazia Partecipata, Made in Lambrate, Social Street Residenti in Lambrate, Spazio Lambrate, Z3xMI

Ecco l’ennesimo favore agli amici degli amici a spese dei milanesi!

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in IN CONSIGLIO, POLITICA MILANESE, RASSEGNA STAMPA | Nessun commento »