Mandiamo gli stupratori di Rimini in Polonia: la petizione online su change.org

Scritto da Gianluca Boari il 7 settembre 2017 – 17:17 -

La Polonia ha comunicato, tramite il viceministro della Giustizia Patryk Jaki, che chiederà l’estradizione degli arrestati. I quattro sono accusati di avere stuprato una turista polacca e di avere picchiato il suo compagno e di averli entrambi rapinati. Il viceministro Jaki ha detto che i quattro dovrebbero affrontare una punizione molto severa per avere commesso questi crimini.

Accogliamo la richiesta per essere certi che scontino davvero la pena e per non ritrovarceli dopo la prigione ancora in Italia.

Se pensiamo ai due fratelli marocchini membri del branco di criminali riflettendo che se lo Ius soli così caro al Pd fosse stato presente alla loro nascita ora avremmo due stupratori italiani in più di cui non poterci liberare. La cittadinanza va meritata e non può essere semplicemente regalata. Quanto accaduto ci deve far riflettere.

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in POLITICA INTERNAZIONALE, SICUREZZA | Nessun commento »

Bivacchi e profughi: Lambrate assomiglia sempre più alla Centrale

Scritto da Gianluca Boari il 5 agosto 2017 – 16:46 -

Il 3 agosto su Libero sono intervenuto sulla questione del degrado crescente in Piazza Bottini a Lambrate. Agli sbandati (italiani e non) e ai pankabestia si sono aggiunti ultimamente i finti 2017-08-03-lambrate-come-la-centrale-invasa-dai-profughi-e-dal-degrado-liberoprofughi. C’è rischio che la situazione degeneri come in Centrale. Serve un presidio fisso delle Forze dell’ordine che viene chiesto da anni e mai attuato dalla sinistra. Speriamo almeno che il Sindaco attui l’ordinanza richiesta compattamente (Movimento Cinque Stelle escluso) dal Consiglio di Municipio 3 il 27 luglio scorso

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Area Gobetti-Bottini: il Municipio 3 chiede al Comune una ordinanza anti degrado

Scritto da Gianluca Boari il 29 luglio 2017 – 21:26 -

ordinanza-gobetti-bottinimappa-area-ordinanza-proposta-gobetti-bottiniI giardini di Piazza Gobetti sono da alcuni anni occupati stabilmente da persone dedite al consumo di alcolici che utilizzano spesso impropriamente l’area, lordandola coi loro rifiuti e utilizzandola come un gabinetto a cielo aperto. La situazione si presenta già di giorno ma è certamente la sera che il fenomeno diventa più fastidioso e desta anche preoccupazione dal punto di vista della sicurezza.

L’ex Consiglio di Zona 3 aveva già 4 anni fa su richiesta dei consiglieri di “centrodestra” chiesto al Comune l’installazione di telecamere. Richiesta reiterata mesi fa anche dal Consiglio di Municipio così come un’implementazione dell’illuminazione. La situazione, a parte per l’illuminazione, non è migliore in Piazza Bottini dove gruppi di “punkabestia” si sono appropriati dell’area centrale prossima all’edificio dei conducenti ATM disturbando i residenti anche fino a notte fonda. Di recente hanno creato problemi di ordine pubblico che hanno visto l’intervento delle Forze dell’Ordine.

In occasione del “cleaning day” di Piazza Gobetti dell’ottobre 2016 avevo approfittato della presenta del Vicesindaco Anna Scavuzzo per proporre una ordinanza che servisse a ridurre il consumo di alcolici da asporto. Fui guardato con un’espressione un’pò attonita. Passarono i mesi e pur continuando a sollecitare il Municipio a prendere una posizione nulla venne fatto fino al presente mese di luglio. L’Assessore Scarinzi ha di recente fatto approvare alla Giunta di Municipio una richiesta di ordinanza per chiudere tutti i locali nell’area Porpora Gobetti Vallazze alle ore 24.00. Quasi contemporaneamente il sottoscritto ha presentato una mozione (20 luglio) dopo aver nei giorni precedenti cercato e ottenuto il coinvolgimento dei colleghi consiglieri di opposizione, tranne quelli del Movimento 5 Stelle che non hanno voluto sottoscrivere il documento (senza per altro presentare nulla di alternativo).

La mia proposta differisce da quella della sinistra, innanzi tutto perchè si estende a Piazza Bottini, ma soprattutto  in quanto verte sul principio che la libera iniziativa privata non va colpita ma occorre agire sugli aspetti che possono recare effettivo danno. Per questo non ho proposto la chiusura dei locali a mezzanotte che danneggerebbe tutti gli esercizi commerciali che dopo quell’ora dovrebbero tirare giù la serranda determinando una riduzione del presidio sul territorio (in periferia avere tutto chiuso aumenta il problema di sicurezza).

L’idea di agire sull’orario di vendita del solo alcol da asporto ha funzionato in diverse città italiane, come ad esempio Trento. I clienti dei locali possono continuare a bersi una birra seduti al tavolo o dentro il locale in piena libertà.

Credo che l’idea di ordinanza portata avanti dall’Assessore Scarinzi del Municipio 3 sia impostata con l’intento condivisibile di limitare le ricadute negative sulla piazza legata alla proliferazione dei minimarket, ma alla fine potrebbe esserci il rischio che vengano colpiti anche pub e altre attività in quanto una ordinanza alla fine si applica a tutte le attività di somministrazione e vendita.

Ora la palla passa al’amministrazione centrale e vedremo cosa deciderà di fare. Il sindaco Sala ascolti il Municipio 3 che in maniera compatta anche se con sfumature diverse chiede più sicurezza e meno degrado per l’area Gobetti-Bottini.

(IL GIORNO – 29 luglio 2017) – CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Lambrate – Rubattino: il recupero delle aree dismesse va aiutato

Scritto da Gianluca Boari il 30 giugno 2016 – 13:09 -

2016.06.30 - eccellenze e degrado nel Municipio 3 - Corriere della SeraIl recupero delle aree dispesse, frequentemente occupate da abusivi che creano degrado nei quartieri, va aiutato attraverso politiche che il Comune di Milano deve mettere in atto specificatamente. Mi riferisco alla possibilità di abbassare i costi di cambio di destinazione d’uso degli immobili da industriale a terziario/commerciale. La “no tax area” non serve per l’area di Expo di per se già appetibile ma per recuperare al degrado pezzi di periferia.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in AMBIENTE, POLITICA MILANESE, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

MM Cascina Gobba: l’accampamento in stazione

Scritto da Gianluca Boari il 29 giugno 2016 – 17:36 -

2016.06.29 - Rom Cascina Gobba - LiberoL’area della stazione MM di Cascina Gobba è ormai terra di bivacco per “nomadi” accampati spesso con tende tavoli e sedie. il gabinetto della stazione è utilizzato per fare il bucato. Il degrado tollerato è ai massimi livelli. Ma i vigili dove sono?! “Cascina Gobba è ormai un’area extra comunale dove si fa quello che si vuole”

 

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Parco Lambro: con la bella stagione tornano i rave parties. Occorre indagare su eventuali complicità degli esercizi commerciali

Scritto da Gianluca Boari il 26 giugno 2016 – 18:23 -

2016.06.26 - rave Parco Lambro - Libero2016.07.03 - rave violenti al parco lambro - Libero2016.06.27 - rave parties Parco Lambro - Il Giornale

Per la terza settimana di seguito i residenti dei quartieri Feltre e della zona di Cimiano hanno dovuto subire gli effetti dei rave party avvenuti all’interno del Parco Lambro. Oltre all’impossibilità di dormire a causa del rumore che si è protratto fino alle 4/5 di notte sono avvenuti anche degli episodi di vandalismo. La mattina di sabato 25 giugno sono state rinvenute diverse decine di auto danneggiate in prossimità della stazione MM Cimiano.

L’accesso al Parco Lambro non risulta difficle, anche in presenza di pesanti attrezzature, in quanto i pilomat installati pochi anni fa su richiesta del Consiglio di Zona 3 vengono abbassati qualora si dichiari di essere clienti del Peter Pan e di altri esercizi commerciali. Questo grazie ad una modifica dell’ordinanza sindacale 69726/2013 di chiusura al traffico veicolare emanata il 19 maggio 2015, che rende transitabile il parco dalle 20.00 alle ore 3.00.

Diversi cittadini affermano di aver chiamato le Forze dell’ordine che tuttavia non sarebbero intervenute.

HO PERTANTO INVIATO UN’INTERROGAZIONE PER SAPERE:

  • Se avviene un pattugliamento notturno delle Forze dell’Ordine all’interno del parco al fine di impedire tali eventi o almeno di limitarne la durata sino alle ore 24.00;
  • Se sia stata fatta o si intenda fare una verifica per capire se gli esercizi commerciali presenti all’interno forniscano qualsiasi tipo di supporto materiale o logistico agli organizzatori dei rave;
  • Se si ritiene di dover ritornare alla versione originaria della suddetta ordinanza.

(CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | Nessun commento »

Viale Abruzzi: nuova segnaletica demenziale

Scritto da Gianluca Boari il 26 giugno 2016 – 12:47 -

2016.06.26 - segnaletica_impazzita_Viale_Abruzzi - Il GiornaleOggi su Il Giornale è stata pubblicata la foto gentilmente fornita da una residente che riprende l’assurda segnaletica orizzontale tracciata due giorni fa, in concomitanza coi lavori di allungamento della porzione di spartitraffico di viale Abruzzi all’altezza del Bar Basso. “Piazza Lode” al posto di una probabile “Piazzale Lodi”. Ma l’aspetto forse più grave sta nel senso razionale di questa tracciatura per quanto concerne “Viale Romagna”. Il Comune invece di rifare completamente l’incrocio demenziale e caratterizzato da continui incidenti preferisce suggerire agli automobilisti che per andare in Viale Romagna, che sarebbe a sinistra, è meglio andare a destra per poi più avanti tornare evidentemente a sinistra! Direi tutto demenziale.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | Nessun commento »

Tendopoli a due passi dal San Raffaele

Scritto da Gianluca Boari il 24 giugno 2016 – 23:05 -

tendopoli-via_bormioPresenterò lunedì un’interrogazione sull’ennesima situazione di degrado e mancanza di controllo che affligge la periferia di Milano, nello specifico del Municipio 3.

Un’area abbandonata situata lungo Via Bormio, non lontana da Via Palmanova, presenta un insediamento abusivo costituito da alcune tende localizzate nella parte bassa di un edificio incompiuto.

AL COMUNE CHIEDO:

1) di sapere se l’area appartiene ad ATM, al Comune di Milano o a privati;
2) se la Polizia Locale è a conoscenza della presenza di abusivi e della tendopoli e da quanto tempo esiste questa presenza;
3) se l’amministrazione comunale intenda ripristinare la legalità in quest’area;
4) se alla Proprietà dell’area sarà intimata la messa in sicurezza affinchè non si ripresentino nuove occupazioni

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | Nessun commento »

Riqualificazione centro sportivo Crespi: occorre vederci chiaro

Scritto da Gianluca Boari il 15 giugno 2016 – 16:50 -

A luglio partiranno i lavori al centro sportivo Crespi che prevedono un investimento totale di 4,5 milioni di euro a carico di due associazioni sportive coperti da garanzia fideiussoria del Comune. Della cifra indicata il grosso, 3,5 milioni, vengono investiti da Zero Gravity per la realizzazione di un nuovo impianto polifunzionale. 1 milione di euro da parte dell’Amatori & Union Rugby per il rifacimento del campo esterno e per la realizzazione della relativa tribuna e degli spogliatoi. Si inizierà con le opere di bonifica dall’amianto.

Il Comune di Milano ha deciso negli anni scorsi di affidare ai privati la riqualificazione del centro sportivo invece che procedere in autonomia per non dover affrontare le ingenti spese necessarie. Successivamente, in apparente contraddizione, decide di fornire una garanzia fideiussoria a copertura del’investimento..
Per quanto concerne la delicata questione della bonifica dell’amianto a carico del Comune si apprende che l’aggiudicazione dei lavori è avvenuta tramite procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell’art. 122, comma 7 del D. lgs 163/2006. Data di aggiudicazione 24 marzo 2016, aggiudicatario AIRCOM srl di Aragona (Agrigento). Importo 489.772,86 euro grazie a ribasso del 29,465% rispetto 708.496,04 euro di importo a base di appalto. Nel dicembre 2015 il valore stimato degli interventi era invece di di 1.000.000 di euro iva esclusa. L’importo finale risulta essere inferiore di oltre il 50% rispetto alle stime iniziali. (Appalto n° 23/2016).

Pertanto ho inviato oggi al sindaco e alla Direzione Centrale Tecnica Settore Tecnico Cultura e beni comunali diversi un’interrogazione per sapere:

1) quale sia l’importo della garanzia fideiussoria a carico del Comune e quindi dei cittadini.

2) Quali sono le motivazioni che hanno portato ad elaborare una base di appalto inferiore rispetto alla cifra iniziale stimata di 1 milione di euro.

3) quali sono le motivazioni che abbiano portato il Comune a considerare congrua l’offerta per la bonifica dell’amianto presentata dalla società siciliana e quali siano le ragioni per le quali opere inizialmente stimate di circa 1 milione di euro siano stata appaltate per un importo inferiore di otre il 50% attraverso una procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando.

La riqualificazione del centro sportivo Crespi è certamente importante per il territorio del Municipio 3 ma occorre fare chiarezza.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , ,
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | Nessun commento »

Rubattino: il caso del profugo che minaccia i bambini

Scritto da Gianluca Boari il 10 aprile 2016 – 22:10 -

2016.04.10 - profugo terrorizza Rubattino - Il GiornalePanico giovedì pomeriggio in Piazza Vigili del Fuoco a causa di un profugo palestinese che minacciava di uccidere i bambini. Bloccato da un agente di Polizia fuori servizio è stato portato via da un’ambulanza. Accanto a questo episodio molto grave va segnalata ormai come una normalità il fatto che rumeni, anche con pesanti precedenti penali, siano liberi di dormire sotto la tengenziale. Liberi anche i finti profughi di Via Corelli di passare le loro giornate nella non lontana piazzetta dell’Ortica. Questa è la Milano di Pisapia e del Pd.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »