Giusta la politica degli sgomberi del Comune di Milano

Scritto da Gianluca Boari il 22 novembre 2009 – 19:52 -

Esprimo piena adesione a quanto dichiarato oggi alle agenzie dal Vice Sindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato:
“I rom abusivi non sono e non saranno tollerati. E’ la linea non del Comune di Milano ma dell’Europa. Che ha varato la direttiva numero 38 nel 2004, recepita dal decreto legislativo del 6 febbraio 2007, secondo la quale i comunitari che non si registrano, non hanno mezzi di sostentamento sufficienti, un lavoro e un’assistenza sanitaria dopo tre mesi di soggiorno vanno allontanati. Dunque gli sgomberi andranno avanti fino ad azzerare tutte le baraccopoli della città. Anche se quelle rimaste, dopo l’intervento di Rubattino, sono ormai di piccole dimensioni”. Lo afferma il vice Sindaco e assessore alla sicurezza Riccardo De Corato. “La decisione di dare assistenza nelle strutture comunali e convenzionate alle madri con i loro bambini – spiega De Corato – è un ‘di più’ garantito dall’Amministrazione. Che dal punto di vista dei principi vigenti nella Ue dovrebbe invece proporre al Prefetto il decreto di allontanamento di tutti gli abusivi per cessate condizioni di soggiorno oltre a una denuncia per invasione di terreno ed edifici secondo l’ articolo 633 del codice penale”.
Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, POLITICA MILANESE, SICUREZZA | Nessun commento »

Usano Rom e università per colpire Formigoni e CL?

Scritto da Gianluca Boari il 22 novembre 2009 – 19:19 -

Sono settimane difficili per il mondo che ruota attorno al movimento di Comunione e Liberazione. Prima gli attacchi e le violenze, anche fisiche, denunciati dai ragazzi della libreria Cusl nell’Università degli Studi di Milano poi l’occupazione di una chiesa (fatto di per se gravissimo) il cui parroco è ritenuto vicino al Movimento ecclesiale che esprime l’attuale Governatore della Lombardia Roberto Formigoni.
Tutto questo a distanza di pochissimi giorni.
Non credo possa essere affermato con certezza che vi sia una regia dietro a questi avvenimenti, tuttavia il clima politico che percepisco è francamente preoccupante.

Ritengo doveroso esprimere la mia solidarietà agli amici di Comunione e Liberazione e ai parrocchiani della chiesa di Sant’Ignazio di Loyola.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in POLITICA MILANESE, SICUREZZA | Nessun commento »

Pd e Rifondazione fanno occupare la chiesa ai rom sgomberati da Rubattino

Scritto da Gianluca Boari il 22 novembre 2009 – 13:19 -

Nella giornata di ieri un folto gruppo di abusivi, precedentemente sgomberati dall’area ex Enel di via Rubattino, ha occupato la Chiesa di San Ignazio di Loyola situata all’interno del quartiere Feltre, in piazza Borotti.

Come riporta il quotidiano Il Giornale una ottantina di persone indirizzate da due consiglieri comunali, David Gentili del Pd e Patrizia Quartieri di Rifondazione Comunista, e da un drappello di esponenti del volontariato cattolico e di sinistra, hanno bivaccato per ore nel luogo sacro.
In serata i bambini e le madri sono stati sistemati dall’assessorato ai Servizi Sociali del Comune in tre centri di accoglienza della città.

Bella trovata quella di utilizzare un luogo sacro per ottenere una ribalta politica e cercare di mettere in difficoltà l’amministrazione comunale.
C’è da chiedersi come mai sia stata scelta proprio San Ignazio e non altre chiese molto più vicine all’area dello sgombero, ad esempio San Martino in Lambrate.
In alternativa, anche se non è un luogo sacro, c’era a disposizione la vicina sede dell”Associazione Acli Lambrate, molto vicina a certi consiglieri del Pd eletti anche in Consiglio di Zona 3.
C’è forse un legame tra la chiesa scelta, difficile da trovare per chi non conosce il quartiere, e il fatto che il parroco come sostiene anche Libero di oggi sia considerato vicino a Comunione e Liberazione?

Complimenti ai signori delle sinistre, bel modo di fare politica.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | 2 Commenti »

Finalmente lo sgombero: via gli abusivi da Rubattino

Scritto da Gianluca Boari il 21 novembre 2009 – 00:30 -

19.11.2009 - Sgombero Rubattino - CronacaQuiNella mattinata del 19 novembre scorso è finalmente avvenuto lo sgombero dell’area ex Enel abusivamente occupata in via Rubattino.
Lo sgombero, che si sarebbe dovuto tenere già lo scorso mese di settembre, è una notizia positiva soprattutto per gli abitanti del nuovo quartiere del “Pru Rubattino” che avevano denunciato più volte la situazione insostenibile dal punto di vista della sicurezza e del degrado delle aree pubbliche (lago sotto la tangenziale utilizzato come lavanderia ecc.).
 
Il Consiglio di Zona 3 aveva approvato il 5 novembre una mozione di richiesta dello sgombero presentata da PdL e Lega Nord e approvata grazie solo ai consiglieri del centrodestra (le sinistre avevano una prima volta fatto mancare il numero legale e la volta sucessiva votato contro). Mozione supportata da una petizione che avevo organizzato nel quartiere.
 
Come riportato su Il Giornale e CronacaQui del 20 novembre auspico che questa volta l’area in questione, già occupata altre due volte nel 2008, venga effettivamente messa in sicurezza dalla Proprietà in maniera tale da impedire nuove future occupazioni.
Pieno sostegno alla politica degli sgomberi del Comune di Milano, unica vera risposta possibile a chi vive nell’illegalità.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | 1 Commenti »

Le fantasie de La Rupubblica sul quartiere pro abusivi

Scritto da Gianluca Boari il 9 novembre 2009 – 13:30 -

Il giornale “La Repubblica” di oggi in un articolo della cronaca cittadina intitolato “Sgombero di via Rubattino le maestre: lasciateci i bambini” affronta l’argomento del futuro sgombero di via Rubattino parlando di un intero quartiere in mobilitazione a favore dei Rom abusivi. Leggendo all’interno si scopre che si tratta di un centinaio di persone (forse), meno di quelle che in due giorni di petizione hanno aderito alla mia iniziativa. Iniziativa volta a dare voce a quella maggioranza assoluta di cittadini contrari agli abusivi che tanto ama difendere la sinistra. Persone che da semplici cittadini non amano condurre parate parasindacali nelle strade. Persone che si mobilitano (lo hanno fatto in 3000 quando in pericolo era il Parco Lambro e il quartiere Feltre) solo quando la situazione diventa totalmente ingestibile.
A questa situazione noi del centrodestra non vogliamo arrivare, per questo abbiamo chiesto e chiediamo lo sgombero immediato di via Rubattino.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, POLITICA MILANESE, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Via gli abusivi dal Rubattino: il Consiglio di Zona approva la mozione

Scritto da Gianluca Boari il 6 novembre 2009 – 12:24 -

Ieri, giovedì 5 novembre, Il Consiglio di Zona 3 ha approvato grazie ai soli voti dei consiglieri del PdL e della Lega Nord la mozione che chiede al Comune e al Prefetto di sgomberare l’area occupata abusivamente dai Rom in via Rubattino 81.

Le sisnistre e l’Udc non hanno votato a favore dello sgombero adducendo come motivazione (o scusa) il fatto che il centrodestra non ha accettato la loro proposta di inserire nel testo la richiesta che il Comune si facesse carico degli interi nuclei famigliari abusivi. Ovvero chiedevano una sistemazione non solo per minori e donne in apposite strutture a carico dei contribuenti italiani ma anche dei padri, volevano trasformare una richiesta di sgombero in una richiesta di villeggiatura a spese dei milanesi. In pratica secondo la visione del concetto di integrazione dei “Nomadi” che ha la sinistra (che è stato ben incarnato pochi anni fa dall’ex Presidente della Provincia Penati che diede in uso gratuito uno stabile in via Varanini a diversi nuclei famigliari di “Nomadi”) chi occupa abusivamente un’area invece di essere perseguito va premiato con una serie di servizi tra cui l’abitazione. Costi che ovviamente sono a carico dei cittadini che pagano le tasse regolarmente, comprese quelle famiglie italiane e straniere che pur lavorando onestamente (e non rubando) non possono permetettersi una dignitosa abitazione anche solamente in affitto. Un concetto ed una pratica di modello di integrazione che lancia un messaggio negativo oltre confine, overo che chiunque può entrare in Italia e occupare case o terreni perchè tanto poi una soluzione la si trova.

Nei giorni passati, ieri compreso, ero stato oggetto di molte polemiche e attacchi da parte di consiglieri delle sinistre per quanto avevo scritto su questo sito e divulgato via e-mail. Atacchi legati al fatto che avevo informato il quartiere del Rubattino in merito ai comportamenti in aula delle varie forze politiche; in particolare avevo denunciato che le sinistre avevano fatto saltare il numero legale la volta precedente perchè erano contrari allo sgombero dopo che già nel 2008 non avevano votato una precedente richiesta di sgombero della medesima area. Se ieri, nonostante qualche ritardo da parte di alcuni consiglieri del centrodestra, il numero non è saltato è dovuto unicamente al “polverone” che mi vanto di aver sollevato. Alcuni consiglieri del Pd, evidentemente più furbi dei colleghi di opposizione, hanno risposto all’appello per evitare di ripetere la pessima figura che vevano fatto in occasione della seduta del 29 ottobre quando avevano impedito ai cittadini presenti di poter seguire i lavori del Consiglio facendo deliberatamente saltare il numero legale. Sapevano anche che in caso contrario la sucessiva seduta consigliare si sarebbe tenuta in doppia convocazione e che quindi il numero legale sarebbe passato da 21 a 11 impedendo altri giochini.

Ecco qui il testo della delibera definitiva votata ieri assieme alle espressioni di voto dei consiglieri (sono indicati i voti contrari e gli astenuti, i favorevoli sono tutti gli altri che risultano presenti al momento del voto).
Le firme dei cittadini che hanno sostenuto la mozione saranno presto inviate al Vice Sindaco De Corato.

Purtroppo se negli ultimi due anni l’Italia è stata presa d’assalto dai Rom la ragione sta nel fatto che il governo di Romano Prodi non seguì l’esempio della Spagna, della Germania e della Gran Bretagna che nel momento dell’entrata nell’Unione Europea di Bulgaria e Romania non adottarono la moratoria di 2 anni per la libera circolazione dei loro cittadini.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | 5 Commenti »

Rompere l’assedio dei Rom al Rubattino: giovedì 5 si vota il documento

Scritto da Gianluca Boari il 2 novembre 2009 – 13:53 -

31.10.09 - CronacaQui - Nomadi prendono acqua all'INNSEIn occasione della seduta di Consiglio di Zona 3 del 5 novembre ore 19.00 sarà messa nuovamente in votazione la mozione che chiede al Comune e al Prefetto (soprattutto) lo sgombero dell’area abusivamente occupata dai Rom situata in corrispondenza del civico 81 di via Rubattino (area privata ex Enel). Il documento non è stato trattato in occasione della scorsa seduta del 29 ottobre in quanto gli eletti delle sinistre e dell’Udc, nonostante la presenza di diversi cittadini del quartiere e approfittando del ritardo di alcuni consiglieri della maggioranza, non hanno risposto all’appello evitando he ci fosse il numero legale per iniziare i lavori.

Segnalo questo articolo uscito sabato 31 ottobre che tratta questa vicenda.

Continua intanto la petizione a sostegno della richiesta di sgombero.
Partecipare serve a far sentire la propria voce ai consiglieri eletti nel Consiglio di Zona 3.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | 7 Commenti »

Per non votare la mozione anti abusivi, le sinistre fanno saltare il numero legale

Scritto da Gianluca Boari il 30 ottobre 2009 – 00:09 -

La seduta di Consiglio di ieri avrebbe dovuto trattare, tra gli altri punti, anche la mozione urgente presentata da PdL e Lega Nord a favore dello sgombero dell’area abusivamente occupata dai Rom in via Rubattino 81.
Erano presenti una decina di cittadini venuti per seguire i lavori che tuttavia non hanno avuto inizio in quanto i consiglieri del centrosinistra e quello dell’UDC non hanno risposto all’appello facendo venire meno il numero legale.
Clicca qui per l’elenco consiglieri presenti al primo e al secondo appello definitivo delle 19.00.

Molto grave è stato un episodio che ha visto coinvolti alcuni consiglieri che hanno cercato di impedire ad una cittadina del Rubattino di prenotarsi per prendere la parola in quanto arrivata con qualche minuto di ritardo.

La mozione verrà ripresentata in Consiglio il prossimo giovedì.
La petizione continua, a maggior ragione ora serve dare voce alla volontà del quartiere.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | 9 Commenti »

Rom a Rubattino: domani si vota la mozione per lo sgombero

Scritto da Gianluca Boari il 28 ottobre 2009 – 12:27 -

Domani, giovedì 29 ottobre, è prevista la trattazione e la conseguente votazione della mozione urgente presentata da PdL e Lega Nord in Consiglio di Zona 3 in cui viene chiesto al Comune lo sgombero dei nomadi abusivi dell’area di via Rubattino 81.

La seduta inizia alle ore 19.00 presso la sede di via Sansovino 9.
Ritengo che la presenza dei cittadini sia fondamentale al fine di manifestare il proprio sostegno a tale richiesta.
Chi volesse fare un intervento a microfono è pregato di arrivare e prenotarsi entro le ore 18.30.
Ricordo infine che è attiva la mia petizione a sostegno della mozione.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, IN CONSIGLIO, SICUREZZA | Nessun commento »

Rubattino: i “Nomadi” si riforniscono d’acqua all’INNSE

Scritto da Gianluca Boari il 25 ottobre 2009 – 15:16 -

25.10.2009 - Nomadi prendono acqua all'INNSE 25.10.2009 - Nomadi in sosta in via RubattinoAlcuni cittadini mi avevano da settimane segnalato che gruppi di “nomadi” si approvigionavano d’acqua presso la sede dell’INNSE. Non ne avevo fatto parola in Consiglio in quanto non avevo le prove documentate. Nella giornata di oggi, ore 12.42, ho invece avuto la possibilità di verificare personalmente la situazione e di scattare un paio di fotografie. L’ingresso dell’INNSE che da su via Rubattino era aperto e alcune persone, indisturbate, facevano scorte di acqua dai lavandini esterni. Pochi metri più indietro, verso Segrate, erano in sosta alcuni camper.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Inserito in AMBIENTE, SICUREZZA | Nessun commento »