Biblioteche di Zona 3

Proposta di intitolazione della nuova biblioteca a Oriana Fallaci

22.02.09 - Libero - Proposta donazione libri Fallaci alla biblioteca di Zona 3

(…) Perazzi ha idee diverse. Innanzi tutto, Milano “è stata la sede professionale di Oriana. Intitolarle una biblioteca, per di più situata in una zona come Città Studi, sarebbe l’ideale per ricordarla”. Per quanto riguarda la donazione, spiega che anche lui, se qualcuno da Palazzo Marino gli avesse chiesto qualcosa, sarebbe stato pronto a fare altrettanto: “Ho deciso di mettere a disposizione del materiale che avevo intenzione di dare alla Boston University, alla Regione Toscana e alla Fondazione del Corriere della Sera”. Si Tratterebbe di “una serie di libri – tra i quali tutta la produzione letteraria di Oriana tradotta in varie lingue – e vari documenti e manoscritti in originale. Tutte cose interessanti per chi volesse conoscere a approfondire la sua figura” (…). Il consigliere forzista Gianluca Boari, che è anche autore della proposta di intitolare alla Fallaci la biblioteca, se la prende con Finazzer: “Questo assessore, che tra l’altro si è appena insediato, non può pretendere di essere l’unico a dire la sua su questa videnda” A parte ciò, “il Comune deve avere più coraggio e fare quel che tante altre città hanno negato alla scrittrice”. La collezione della Fallaci, oltretutto, sarebbe “l’ideale per questa nuova biblioteca. Ci sono edizioni in tutte le lingue e i curatori stanno lavorando proprio per renderla più internazionale possibile”.
(Libero – 22/02/09)

07.02.09 - Libero - Proposta biblioteca Oriana Fallaci a Milano

 (…) Tutta la vicenda nasce dall’iniziativa di un super-attivo consigliere di zona, Gianluca Boari, che in virtù della sua amicizia col nipote della scrittrice, Edoardo Perazzi, ha deciso di far partire una campagna per far si che alla nuova biblioteca di via Vavassori Peroni venisse dato il nome della Fallaci. Il militante forzista è partito un mese fa con una petizione – firmata anche dall’ex sindaco Gabriele Albertini e dal vice presidente del Parlamento europeo Mario Mauro -, poi si è presentato direttamente in Comune. Firme alla mano, più di mille quelle raccolte finora, ha provato a smuovere l’assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory, responsabile della toponomastica comunale. La risposta è stata negativa. “Mi ha detto – spiega Boari – che era impossibile. C’erano troppe difficoltà: sarebbe stato necessario passare per il voto del Consiglio comunale due volte, una per fare in modo che al Giardino Fallaci venisse levata l’attuale intitolazione e una per fare la nuova intitolazione alla biblioteca. Questo perchè, per regolamento, non si può dare lo stesso nome a un giardino e a un palazzo”. Sul regolamento comunale, per la verità, non c’è scritto niente di tutto ciò. Si tratta solo di una consuetudine, ma niente vieta di superarla. Spiega Finazzer Flory: “due indicazioni con lo stesso nome sono foriere di confusione. Sono stato il primo a trovare che si trattasse di un’ottima idea la prima volta che se ne è parlato. Purtroppo, però, i miei dirigenti mi hanno sconsigliato di procedere: una cosa simile non è mai stata fatta. Questo per evitare problemi vari, per esempio riguardanti lo smistamento della posta” (…).
(Libero – 07/02/09)

28.01.09 - Libero - Avviata petizione online per intitolazione biblioteca a Fallaci

(…) Un paio di settimane fa si è mosso il consigliere di Zona 3 Gianluca Boari, che ha lanciato l’idea di intitolare la biblioteca a Oriana Fallaci. Da qui è partita una petizione online, che già conta 1.050 firmatari. “Persone comuni, politici e giornalisti un’pò da tutta Italia stanno dimostrando come questa straordinaria e libera donna abbia lasciato un segno indelebile nella mente e nel cuore degli italiani”, spiega Boari, commentando il numero sempre crescente di adesioni (…).
(Libero – 28/01/09)

13.01.09 - CronacaQui - Avviata petizione online per intitolazione biblioteca a Fallaci

(…) “Il valore di questa grande persona – afferma Boari – è riconosciuto da tutti, indipendentemente dagli schieramenti politici. Il modo migliore per ricordarla è dedicarle un luogo dall’alto valore simbolico come una biblioteca, luogo di libero confronto ed accrescimento culturale come libera è sempre stata lei”.
(CronacaQui – 13/01/09)

10.01.09 - E-polis Milano - Avviata petizione online per intitolazione biblioteca a Fallaci

Una petizione per intitolare a Oriana Fallaci una biblioteca pubblica. L’autore del documento è Gianluca Boari, presidente della Commissione Cultura del Consiglio di Zona 3. Non è una biblioteca qualunque quella che Boari vorrebbe intitolare alla giornalista, ma la struttura di via Vavassori Peroni (…). Mentre la campagna avviata su Facebook in soli due giorni ha raccolto circa duecento sottoscrizioni: si va da Bruno Dapei, capogruppo di Forza Italia in Consiglio provinciale, a Mario Mauro, vicepresidente del Parlamento europeo, a Carlo Saffioti, consigliere regionale, a Paolo del Nero, consigliere provinciale fino a Giulio Gallera, capogruppo di Forza Italia in Comune (…).
(E-polis Milano – 10/01/09)