Bivacchi e profughi: Lambrate assomiglia sempre più alla Centrale

Scritto da Gianluca Boari il 5 agosto 2017 – 16:46 -

Il 3 agosto su Libero sono intervenuto sulla questione del degrado crescente in Piazza Bottini a Lambrate. Agli sbandati (italiani e non) e ai pankabestia si sono aggiunti ultimamente i finti 2017-08-03-lambrate-come-la-centrale-invasa-dai-profughi-e-dal-degrado-liberoprofughi. C’è rischio che la situazione degeneri come in Centrale. Serve un presidio fisso delle Forze dell’ordine che viene chiesto da anni e mai attuato dalla sinistra. Speriamo almeno che il Sindaco attui l’ordinanza richiesta compattamente (Movimento Cinque Stelle escluso) dal Consiglio di Municipio 3 il 27 luglio scorso

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Area Gobetti-Bottini: il Municipio 3 chiede al Comune una ordinanza anti degrado

Scritto da Gianluca Boari il 29 luglio 2017 – 21:26 -

ordinanza-gobetti-bottinimappa-area-ordinanza-proposta-gobetti-bottiniI giardini di Piazza Gobetti sono da alcuni anni occupati stabilmente da persone dedite al consumo di alcolici che utilizzano spesso impropriamente l’area, lordandola coi loro rifiuti e utilizzandola come un gabinetto a cielo aperto. La situazione si presenta già di giorno ma è certamente la sera che il fenomeno diventa più fastidioso e desta anche preoccupazione dal punto di vista della sicurezza.

L’ex Consiglio di Zona 3 aveva già 4 anni fa su richiesta dei consiglieri di “centrodestra” chiesto al Comune l’installazione di telecamere. Richiesta reiterata mesi fa anche dal Consiglio di Municipio così come un’implementazione dell’illuminazione. La situazione, a parte per l’illuminazione, non è migliore in Piazza Bottini dove gruppi di “punkabestia” si sono appropriati dell’area centrale prossima all’edificio dei conducenti ATM disturbando i residenti anche fino a notte fonda. Di recente hanno creato problemi di ordine pubblico che hanno visto l’intervento delle Forze dell’Ordine.

In occasione del “cleaning day” di Piazza Gobetti dell’ottobre 2016 avevo approfittato della presenta del Vicesindaco Anna Scavuzzo per proporre una ordinanza che servisse a ridurre il consumo di alcolici da asporto. Fui guardato con un’espressione un’pò attonita. Passarono i mesi e pur continuando a sollecitare il Municipio a prendere una posizione nulla venne fatto fino al presente mese di luglio. L’Assessore Scarinzi ha di recente fatto approvare alla Giunta di Municipio una richiesta di ordinanza per chiudere tutti i locali nell’area Porpora Gobetti Vallazze alle ore 24.00. Quasi contemporaneamente il sottoscritto ha presentato una mozione (20 luglio) dopo aver nei giorni precedenti cercato e ottenuto il coinvolgimento dei colleghi consiglieri di opposizione, tranne quelli del Movimento 5 Stelle che non hanno voluto sottoscrivere il documento (senza per altro presentare nulla di alternativo).

La mia proposta differisce da quella della sinistra, innanzi tutto perchè si estende a Piazza Bottini, ma soprattutto  in quanto verte sul principio che la libera iniziativa privata non va colpita ma occorre agire sugli aspetti che possono recare effettivo danno. Per questo non ho proposto la chiusura dei locali a mezzanotte che danneggerebbe tutti gli esercizi commerciali che dopo quell’ora dovrebbero tirare giù la serranda determinando una riduzione del presidio sul territorio (in periferia avere tutto chiuso aumenta il problema di sicurezza).

L’idea di agire sull’orario di vendita del solo alcol da asporto ha funzionato in diverse città italiane, come ad esempio Trento. I clienti dei locali possono continuare a bersi una birra seduti al tavolo o dentro il locale in piena libertà.

Credo che l’idea di ordinanza portata avanti dall’Assessore Scarinzi del Municipio 3 sia impostata con l’intento condivisibile di limitare le ricadute negative sulla piazza legata alla proliferazione dei minimarket, ma alla fine potrebbe esserci il rischio che vengano colpiti anche pub e altre attività in quanto una ordinanza alla fine si applica a tutte le attività di somministrazione e vendita.

Ora la palla passa al’amministrazione centrale e vedremo cosa deciderà di fare. Il sindaco Sala ascolti il Municipio 3 che in maniera compatta anche se con sfumature diverse chiede più sicurezza e meno degrado per l’area Gobetti-Bottini.

(IL GIORNO – 29 luglio 2017) – CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , ,
Inserito in RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Aggiudicazione concessione bar Via Valvassori Peroni: Le prescrizioni del bando vengono rispettate?

Scritto da Gianluca Boari il 23 giugno 2016 – 16:48 -

Aperto con diversi mesi di ritardo rispetto la data di aggiudicazione del bando la situazione del bar della biblioteca rionale e del cam di Lambrate presenta aspetti poco chiari e forse non in linea con le prescrizioni del Comune. Ho ritenuto pertanto di presentare un’interrogazione al Sindaco e al Settore del Municipio 3 competente, che ha preparato il bando e ha il compito di vigilare che quanto indicato sia rispettato dal concessionario.

In esecuzione della delibera della Giunta Comunale n. 1402 del 30 luglio 2015 è stata indetta la gara ad evidenza pubblica per l’assegnazione in concessione d’uso degli spazi (bar) di Via Valvassori Peroni 56, approvata con determinazione dirigenziale n. 204 del 19 agosto 2015.

La presenza di spazi dedicati alla somministrazione dovrebbe “valorizzare sia la struttura comunale nel suo complesso e le attività che già si svolgono all’interno della stessa, sia contribuire a rendere più piacevole e fruibile da parte della cittadinanza la citata struttura comunale arricchendo l’offerta culturale e aggregativa già proposta”.

L’aggiudicatario, tra le altre cose, si è impegnato a realizzare da uno ad un massimo di otto eventi al mese fino ad un massimo di otto anche attraverso “associazioni collegate” (punto 2 del testo del bando).

Il concessionario deve svolgere le attività di somministrazione  “contemporaneamente agli orari di apertura della Biblioteca Comunale, dell’Auditorium e del Centro di Aggregazione Multifunzionale”. Il bando prevedeva inoltre l’esclusione di attività di ristorazione (punto 4 del testo del bando).

L’inizio dell’attività veniva previsto in non oltre 60 giorni dall’assegnazione degli spazi, pena una sanzione di 100 euro per ogni giorno di ritardo fino ad un massimo di 60 (punti 4 e 17 del testo del bando).

CONSIDERAZIONI

L’aggiudicazione del bando è avvenuta il 27 ottobre 2015. I lavori sono iniziati dopo febbraio 2016. L’apertura è avvenuta alcuni giorni prima dell’inaugurazione svoltasi il 11 giugno. L’intervento economico a carico del privato per l’adeguamento degli spazi e l’allestimento degli spazi, esclusi i costi di personale, sono presumibilmente eccessivi considerato il tipo di utenza e la concessione della durata di 6 anni più eventuali 3 di rinnovo.

SI CHIEDE

  • Per quali ragioni l’inizio dell’attività commerciale sia avvenuta dopo circa sei mesi dall’aggiudicazione degli spazi.
  • In che data sono stati consegnati gli spazi al concessionario.
  • Se siano state applicate le sanzioni previste dal bando per i ritardi nell’apertura del servizio di somministrazione di cibi e bevande.
  • Se il tempo intercorso tra la data della consegna degli spazi e l’inizio dell’attività di somministrazione sia maggiore di 60 giorni, portando conseguentemente alla decadenza della concessione.
  • Se il concessionario stia svolgendo l’attività di somministrazione contemporaneamente agli orari di apertura della biblioteca e del cam, in particolare se il bar rimanga effettivamente aperto il mercoledì mattina.
  • Se il bar possa svolgere l’attività oltre la mezzanotte, sia in presenza che in assenza di eventi.
  • Se sia stata allestita una cucina per effettuare prossimamente il servizio di ristorazione.
  • Se sia stata chiesta la rimozione dei distributori automatici di bevande calde dalla biblioteca al fine di incrementare il fatturato del bar.
  • Se l’aggiudicatario è un soggetto giuridico riconducibile ad un ex consigliere di zona del partito democratico.
Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , ,
Inserito in IN CONSIGLIO | Nessun commento »

Città Studi: Il palazzo dell’archistar ora è abbandonato

Scritto da Gianluca Boari il 8 aprile 2016 – 22:12 -

2016.04.08 - ecomostro piazza carlo erba - La RepubblicaDovevano essere appartamenti di lusso ma ora il cantiere di Piazza carlo Erba fermo da sei mesi rischia di diventare un focolaio di problemi igienici e di sicurezza. Entrano persone a consumare droga e altri ci dormono. In aggiunta l’ampia area delimitata dal basso muro metallico diviene luogo ideale per diventare una discarica abusiva. In Consiglio di Zona 3 la sinistra si rifiuta di sottoscrivere il mio documento facendo prevalere interessi da campagna elettorale sulla sicurezza del quartiere.

(CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , ,
Inserito in AMBIENTE, RASSEGNA STAMPA, SICUREZZA | Nessun commento »

Lambrate – Città Studi: abusivi rave e droga nell’area comunale

Scritto da Gianluca Boari il 19 ottobre 2015 – 18:55 -

esposto prefettura rave ottobre 20152015.10.13 - Rave Valvassori Peroni - Il Giorno
Continuano da anni i rave a pagamento con diffusione e consumo di droga nell’area comunale (da pochi mesi della Città Metropolitana) di Via Valvassori Peroni 10.
Lo spazio è soggetto a ripetute occupazioni e usi impropri da maggio 2011 ma il Sindaco (di entrambi gli enti) Pisapia non si è ancora svegliato o probabilmente vuole che questa area sia zona di sfogo per teppisti che altrimenti prenderebbero di mira altri luoghi.
2015.10.15 - Rave nell'area abbandonata del Comune - La Repubblica
A seguito dell’ennesimo rave del 10/11 ottobre i cittadini accompagnati dal sottoscritto hanno nuovamente consegnato agli organi preposti un nuovo esposto.
Giovedì 15 ho presentato in Consiglio di Zona 3 una “mozione urgente” che raccoglie il contenuto dell’esposto. La richiesta approvata all’unanimità dei consiglieri presenti è quella di installare barriere invalicabili per impedire l’accesso all’area. Staremo a vedere se questa volta il Sindaco vorrà intervenire o continuare a far finta di nulla.

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRE

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , ,
Inserito in AMBIENTE, POLITICA MILANESE, SICUREZZA | Nessun commento »

Auditorium di Zona 3 – presentata mozione in Consiglio per criteri di utilizzo

Scritto da Gianluca Boari il 28 luglio 2011 – 01:12 -

Giovedì 21 luglio ho presentato in Consiglio una mozione che chiede al Presidente e alla sua maggioranza di predisporre al più presto un bando per l’utilizzo dell’auditorium di via Valvassori Peroni a beneficio delle associazioni di zona, specialmente giovanili.
Si tratta di una proposta che era nel mio personale programma elettorale, anche alla luce della mia passata esperienza di Presidente della Commissione Cultura.
Mi batterò affinchè la proposta sia condivisa riuscendo a vincere le tentazioni, che molti consiglieri anno in entrambi gli schieramenti, di considerare come un esercizio di potere (e quindi di consenso) la volontà di scegliere volta per volta gli enti che possano utilizzare questo tanto agoniato spazio nel cuore di Città Studi.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , ,
Inserito in IN CONSIGLIO | Nessun commento »