Rave e droga negli edifici comunali

Scritto da Gianluca Boari il 6 agosto 2015 – 01:05 -


L’area comunale un tempo sede di uffici e depositi del Settore Parchi e Giardini del Comune è abbandonata da maggio 2011. Nel cosrso degli anni è stata occupata più voltre da elementi dei centri sociali ed altri sbandati, collettivi studenteschi di sinistra inclusi.
Da maggio 2011 a settembre 2012 l’area è stata utilizzata anche per rave a pagamento che in estate avvenivano quasi ogni settimana. Gli abusivi furono addirittura fatti parlare in Commissione Ambiente in Via Sansovino dove si fronteggiarono 2 fazioni, studenti e gente più datata dall’aspetto poco raccomandabile. Girarno voci di possibili o tentati accordi con promesse di alloggi per farli uscire, ma di cui non ho avuto riscontro oggettivo.
Mesi per convincere la sinistra della Zona 3 a richiedere lo sgombero che avvenne quando il quartiere si sollevò e la questione raggiunse anche la pagine di Repubblica.
Nell’estate 2013 tornano i rave e presento documento per chiedere la messa in sicurezza dell’area dove si ritiene sia presente ancora dell’amianto. Anche in questo caso mesi per vincere la riluttanza della sinistra che incolpava la Provincia per non aver ancora preso in carico l’area nell’ambito di un accordo che vedeva al centro l’istituto Vespucci.
Di seguito l’area fu controllata più seriamente ma non mancarono continue seppur brevi occupazioni abusive da parte di stranieri e nomadi.
Arriviamo quindi allo scorso 25 aprile quando viene organizzato un nuovo rave. L’evento si ripete sabato 1 agosto e come al solito tiene sveglio un quartiere, per non parlare della sporcizia lasciata li dal Comune, siringhe incluse.
A Rimini un ragazzo è morto per droga e per questo hanno chiuso la discoteca che frequentava, qui invece il Comune è libero di lasciare che si svolgano droga party nelle sue proprietà!

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: , , , , , , ,
Inserito in APPUNTAMENTI | Nessun commento »

Area occupata di via Valvassori Peroni: ci sarà lo sgombero?

Scritto da Gianluca Boari il 6 novembre 2011 – 15:21 -

Stanno per scadere i quindici giorni di tempo che il Consiglio di Zona 3 ha dato agli occupanti abusivi dell’ex area Uffici Parchi e Giardini di via Valvassori Peroni affinchè abbondonino l’area. Il testo della delibera approvato all’unanimità chiede infatti al Sindaco lo sgombero dell’area occupata qualora entro quindici giorni dall’approvazione della stessa risulti ancora occupato.
La delibera è stata votata all’unanimità essendo frutto di un’intesa raggiunta tra maggioranza e opposizioni sul testo preparato dal consigliere Monzio ed epurato dagli elementi di inutile e pretestuosa polemica nei confronti della Provincia di Milano. Per consentire che si raggiungesse tale accordo e che finalmente la maggioranza di sinistra si esprimesse per lo sgombero senza far perdere altro tempo alla cittadinanza ho ritenuto di ritirare la mia mozione che era stata all’origine della tardiva presa di coscienza del problema da parte del Consiglio di Zona.
Qualora gli occupanti non dovessero abbandonare l’area e il Comune decidesse di disattendere la volontà del Consiglio di Zona mi impegnerò a riprendere la battaglia per la legalità ritornando nel quartiere, a contatto di chi subisce i disagi e il degrado ambientale dovuto alle feste e festini organizzati dagli abusivi.

Scarica la versione PDF |  Visualizza versione stampabile  Visualizza versione stampabile
Tags: ,
Inserito in AMBIENTE, GOVERNO BERLUSCONI 2008-2013, IN CONSIGLIO, POLITICA INTERNAZIONALE, POLITICA MILANESE, SPECIALI | Nessun commento »